Docenti

Riccardo Marello

Direttore Corsi IFSE, Direttore e docente del Corso professionale di Cucina Italiana è uno chef affermato con esperienze di altissimo livello in Italia e all’estero, non solo come chef ma anche come responsabile per la pianificazione e impostazione della cucina in conformità alle leggi vigenti e responsabile per la formazione del personale di ristoranti inserti nella guida Michelin. Numerose le sue docenze estere e presenze ad eventi e fiere di settore in ogni parte del mondo in cui registra sempre il tutto esaurito con le sue preparazioni di cucina creativa: Russia, Vietnam, Spagna, Sud America sono solo alcune delle mete che ha toccato negli anni. Molto stimato dagli studenti IFSE si contraddistingue per un metodo di insegnamento attento e rigoroso che fa di lui un grande maestro e una vera propria guida.

Ugo Mura

Esperto di vini, prodotti alimentari e cucina tradizionale italiana guida la formazione legata all’enologia, gli oli EVO e di cucina tipica. La sua carriera di insegnante ha inizio nel 2001 dopo numerose mission all’estero sia come docente che come consulente per grandi aziende operanti nel settore dell’enogastronomia italiana. Attualmente, oltre all’attività di docente prosegue con successo anche l’attività di consulente in Italia e all’estero e la presenza in veste di wineexpert ad importanti fiere del settore italiane e straniere. E’ in grado di incantare tutti gli studenti IFSE con la sua approfondita conoscenza in campo eno-gastronomico a tuttotondo e la capacità di rispondere prontamente e in maniera consapevole ad ogni domanda che gli venga posta.

Piero Rainone

E' uno specialista nell’organizzazione di grandi eventi e buffet. Nella sua carriera ha avuto numerose esperienze di docenze all’estero in Brasile, Cina, Corea, Giappone, Taiwan, Russia, India, America del nord e Germania e ha collaborato alla redazione di vari libri per la Food Editori. Tesserato all’Associazione Professionale Cuochi italiani, è membro dell’Ordre International DesDisciples D’Auguste Escoffier dal 2006. Molto amato dagli studenti IFSE si contraddistingue per i suoi peculiari metodi di insegnamento molto diretti ma efficaci, capaci di stregare la platea che ha di fronte a sé.

Enrico Pivieri

Ex studente del Corso professionale di cucina italiana IFSE nel 2010, ha maturato negli anni numerose esperienze in ambito cucina fino ad approdare ad un ambizioso progetto tutto suo, il Ristorante Al Cavallo Scosso ad Asti, ristorante elegante, si contraddistingue per una cucina di “ricercata semplicità”, legata al territorio con eccellenze selezionate, ma allo stesso tempo dinamica e creativa in cui si propongono anche cene didattiche, che strizzano quindi l’occhio alla formazione. Lo Chef Pivieri collabora da qualche anno anche la scuola IFSE e si distingue per una spiccata capacità comunicativa incantando gli studenti con piatti d’artista ma legati alla tradizione.

Davide Palluda

Davide Palluda è nato nel 1971 a Canale, dove vive e lavora.
Dopo gli studi professionali alla Scuola Alberghiera di Barolo, ha fatto esperienze formative presso le più prestigiose cucine italiane ed europee.
Nel 1995, con la sorella Ivana, ha aperto il ristorante “All’Enoteca”, annesso all’Enoteca Regionale del Roero, con sede a Canale.
Nel 2000 è stato giudicato il miglior cuoco giovane dell’anno dalla guida Espresso. Sempre nel 2000 ha ricevuto la stella Michelin, di lì in poi sempre conservata. Nel 2006, con la moglie Annalisa, ha aperto il laboratorio “DP”.
E’ stato l’artefice della valorizzazione della civiltà della tavola del Roero ed è riconosciuto come uno dei migliori chef italiani.
E’ sposato con Annalisa, dalla quale ha avuto tre figli. Francesco, Vittoria e Cecilia.

Roberto Carcangiu

Roberto Carcangiu è un professionista della ristorazione da oltre 30 anni.Inizia il suo mestiere di cuoco da giovanissimo, con un lungo apprendistato dietro le quinte di tante cucine diventando poi primo chef di vari ristoranti in giro per il mondo tra cui ristoranti stellati.
All’apice della sua carriera approfondisce le dinamiche della figura di R&D Cooking Director. instaurando collaborazioni continuative di consulenza e ricerca con realtà aziendali e istituzionali di vario genere. Oggi è R&D Cooking Director e docente delle più importanti scuole italiane e straniere nonché Presidente dell’Associazione Professionale Cuochi Italiani.

Igor Macchia

Dopo la Scuola Alberghiera ed alcune esperienze in Piemonte e Valle d’Aosta approda alla Credenza, affiancando lo Chef Giovanni Grasso.
La sua presenza presso il ristorante è stata intervallata da periodi di stage e l’impiego in altre realtà italiane ed europee.
Dal 2004 si occupa della gestione totale della cucina del Ristorante La credenza di San Maurizio Canavese e nel 2006 riceve la stella Michelin.

Marc Lanteri

Lo Chef Marc Lanteri da anni entrato nella cerchia degli Chef stellati Michelin, nasce nel 1968 a Tenda, un piccolo paesino poco oltre il confine del Piemonte, nel versante Francese della Valle Roya, dove vivono profondamente le radicate origini italiane. Il suo cammino culinario viene determinato dall’infanzia, grazie ad una madre preziosa depositaria dei segreti della cucina tradizionale e da un padre, sapiente cultore della genuitità dei prodotti di un territorio ricco e generoso di primizie.
Rivelatosi alla Scuola Alberghiera di Mentone, Marc inizia un intenso percorso formativo affiancando alcuni tra i più grandi interpreti della cucina contemporanea quali Alain Ducasse, Christian Morisset, Michel Rostang, Enzo Santin, Annie Feolde, e Paolo Teverini, che tracceranno in lui e nel suo stile, delle profonde linee guida.
Da ognuno di loro Marc apprenderà con umiltà e determinazione l’arte della grande cucina ed avrà occasione di vivere sul campo delle esperienze uniche, che ne determineranno la sua impronta ed il suo stile. Ancora oggi lo Chef Lanteri persegue i suoi obiettivi con la sua indole di instancabile ricercatore del gusto, della tipicità e dell’eccellenza, che hanno portato il suo stile ad un’armonia eccelsa e dinamica di sapori espressi nel pieno rispetto di questo territorio.
Nel 2004 con la brigata del ristorante Delle Antiche Contrade nella città di Cuneo, gli viene assegnato il prestigioso riconoscimento ed entra a far parte della Guida Rossa degli Chef Stellati Michelin.
Successivamente inaugura il Baluardo, il suo primo ristorante nella città di Mondovì, che porta avanti con determinazione e successo fino al presentarsi di una occasione unica e nel 2015 Marc Lanteri inaugura un nuovo capitolo nell’incantevole location del Castello di Grinzane di Cavour, dimora storica del Conte Benso di Cavour e ormai da anni al centro del panorama internazionale quale sede dell’Asta Mondiale del Tartufo Bianco d’Alba.

Giovanni Grasso

Grintoso e determinato, lo chef Giovanni Grasso ha consacrato in breve tempo La Credenza, portandola ad essere una delle tavole tra le più brillanti, golose e promettenti d’Italia.
Nei piatti, negli abbinamenti mai scontati del menù, tradizione e innovazione convivono in una cucina personale e innovativa che affascina e stupisce e che già nel 2006 ha ottenuto il riconoscimento della prima Stella Michelin.
Riconosciuto come esponente dell’eccellenza piemontese La Credenza ha ottenuto riconoscimenti dal Gambero Rosso (1 forchetta), la Corona Radiosa sulla Guida di Paolo Massobrio e 1 cappello (15,5) sulla Guida de l’Espresso.

Federico Zanasi

E’ lo chef del ristorante dell’Hotel Principe delle Nevi di Cervinia dal 2012. In principio fu la scuola alberghiera di Serramazzoni di Modena, in seguito il ristorante Amerigo 1934, poi Usa, Spagna e nove anni con Moreno Cedroni, sia a La Madonnina del Pescatore che a Il Clandestino. Nel 2012 viene anche premiato durante Identità Golose come migliore Sous Chef dell’Anno. Nel suo curriculum altre esperienze importanti, come l’apertura dell’Hotel Maison Moschino e il resort Long Beach Mauritius. Infine approda al Nord, in Valle d’Aosta, al Principe delle Nevi e in menu mette piatti dalla grande creatività e dalla tecnica impeccabile.

Alessandro Neri

Nato a Torino nel 1980, si diploma presso l’Istituto Alberghiero Arturo Prever di Pinerolo. Fin da giovanissimo è impegnato in numerose esperienze presso ristoranti e hotel Italiani ed esteri, dalla Valle d’Aosta alla Basilicata fino all’ Austria; si iscrive diversi stage presso la prestigiosa Cast Alimenti di Brescia dove perfeziona le conoscenze in materia dolciaria e si innamora degli impasti lievitati… iniziando prestigiose collaborazioni con l’Accademia Barilla di Parma. Dopo un’ esperienza sul Lago Maggiore arriva in Langa, alla Ciau del Tornavento sotto la guida del grande Maurilio Garola. Dopo due anni passati insieme, decide quindi di fermarsi e incominciare la sua strada da ristoratore, prima nella Vineria del Barolo presso la cantina Gianni Gagliardo e adesso, al GrecAle di Novello.

Carlo Casoni

Dopo aver frequentato la scuola alberghiera di Rimini ha fatto le sue prime esperienze in Romagna, e come organizzatore di buffet, pranzi e cene.
Diventa quindi ben presto il numero uno ai fornelli della cucina ambulante della Scuderia Ferrari.
Oggi è chef dimostratore a livello internazionale per un’importante azienda italiana del settore alimentare, la Mutti.

Luciano Regaldo

Una grande passione tramandata da suo padre porta lo chef Luciano Regaldo ad essere un grande Maestro non solo di cucina ma anche di vita.
Specializzato nella cucina tradizionale piemontese ma non solo, è da prima insegnante presso l’Istituto Alberghiero “A. Prever” di Pinerolo, in cui insegna tutt’oggi e dal 1978 conduce il “Ristorante del gallo”.
Grande conservatore dei sapori di una volta, capace però sempre di introdurre quel tocco di modernità, sorprende per la sua passione, il suo entusiasmo e ottimismo sopra ogni cosa.

Alfredo Russo

Molti anni di esperienza e la stessa voglia di sperimentare, di innovare di quando ne aveva 13, l’età della sua “iniziazione” alla cucina. Una scuola alberghiera frequentata con passione, e poi la gavetta in diversi ristoranti famosi. Così comincia l’avventura di Alfredo Russo nel mondo che gli ha insegnato l’alta ristorazione e che lui ha imparato a rivoluzionare con le sue creazioni ed i suoi piatti. Un curriculum impeccabile, coronato dall’apertura nel 1990 del Dolce Stil Novo (1 Stella Michelin), a cui sono seguiti molti riconoscimenti. Oggi, dopo esperienze e partecipazioni internazionali, Alfredo si trova alla guida del ristorante all’interno di una fra le più splendide Residenza Reali, la Reggia di Venaria.

Walter Eynard

Nato nel 1958 è lo storico Chef del ristorante Flipot di Torre Pellice rilevato nel 1981 insieme a sua moglie: a loro il merito averlo fatto diventare uno dei ristoranti migliori d’Italia conquistando due stelle Michelin e tanti preziosi riconoscimenti.
Dopo la chiusura, alla fine del 2011, lo chef ha raccolto la sfida del lussuoso hotel 4 stelle di Cherasco, il Somaschi Hotel, in cui fino al 2016, nel ristorante gastronomico della struttura, il Walter Eynard Restaurant, ha espresso la cucina che l’ha reso uno dei più apprezzati chef italiani, volta alla valorizzazione dei prodotti delle langhe e alla cucina povera.
Segue l’esperienza presso il Circolo dei lettori di Torino portandolo oggi ad essere un apprezzatissimo e richiestissimo consulente in ambito gastronomico.

Federico Girone

Dopo aver intrapreso la scuola Alberghiera di Pinerolo nel 2007, nel 2010 ha iniziato a prestar servizio lavorativo Presso la Trattoria Zappatori di Pinerolo per intraprendere a 365 gradi quello che fosse realmente il mondo della cucina.
Nasce da li Grazie allo Chef Milone e Matteo Chiaudrero la sua passione per questo lavoro.
Nel 2012 durante l'ultimo anno di liceo Partecipò al concorso Giovani Chef Piemonte sezione studenti, nella quale vinse il primo premio il quale consisteva in uno stage della durata di 6 mesi presso il ristorante 1 stella michelin La Credenza di SanMaurizio Canavese.
Finiti gli studi ed avendo vissuto 6 mesi di lavoro in uno stellato con la voglia di sperimentare e mettersi in gioco trovò lavoro come Primo chef presso La Locanda della Maison Verde di Cantalupa.
Nel 2013 ridette il concorso Giovani Chef Piemonte, questa volta professionista rivincendo il primo premio il quale gli permise di frequentare il corso da assaggiatore di vino sostenuto dall'associazione ONAV.
Passati 2 anni tra vari corsi di ogni tipologia, dall'accademia del gelato carpigiani, alla panificazione, alla cioccolateria viene contattato dal suo ex Chef Christian Milone per gestire la parte ristorativa di un' Hotel 5stelle di Milano, il Boscolo Hotel.
Verso la fine del 2016 riceve una proposta lavorativa da parte dello Chef Silvio Battistoni presso il museo di arte contemporanea del Sole 24ore il Mudec.
Nel estrate inoltrata del 2017 inizia la sua nuova attivita lavorativa presso la Tenuta la Cascinetta di Buriasco sotto la supervisione dello Chef Carlo Piras che lo formera in modo tale da cedergli il posto dopo un paio di mesi e lasciargli la completa gestione.
Tuttora è lo chef della tenuta la Cascinetta.

Valerio Angelino Catella

Piemontese, figlio d’arte, cresciuto nel ristorante dei genitori, dopo gli studi alberghieri inizia la carriera da cuoco in giro per l’Europa. Approda in seguito alla pasticceria e si specializza in sculture di zucchero e cioccolato; nel 2006 vince la medaglia di bronzo ai campionati mondiali di pasticceria in Lussemburgo. Attento ristoratore, sa offrire ai suoi ospiti delle esperienze uniche, in grado di emozionare “attraverso quelle che i nonni chiamavano le3 C: cuore, charme e cultura”,sempre riservando grande importanza a storia e tradizioni. Oltre a svolgere l’attività di chef in strutture prestigiose è cuoco freelance, docente di scienze gastronomiche e storico della cucina; ha fondato infatti un museo unico all’interno del borgo medievale del Ricetto di Candelo (BI), nel quale sono raccolti antichi strumenti di cucina e di pasticceria.

Elena "Wendy" Bosca

Figlia del Maestro Pasticcere Sergio Bosca, insignito dell’Eccellenza Artigiana Piemontese e fondatore della omonima Pasticceria di Canelli (AT), Elena cresce in un mondo magico, che sa di cioccolato e mele caramellate. Poco a poco nasce la curiosità (che diventa ben presto pura passione) per lo zucchero e l’arte della decorazione tipica della tradizione americana e anglosassone. Vive a Londra e New York per diverso tempo dove fa suoi i segreti della pasticceria internazionale, combinandoli con gli ottimi ingredienti piemontesi, la tradizione del territorio delle Langhe e l’esperienza che papà Sergio e mamma Michelina sanno mettere in ogni loro creazione. Nel 2012 apre il suo Cake Shop a Torino dove affianca ai gusti e ingredienti tradizionali, nuove ricette e l’arte del cake design. Nel 2013 registra il suo primo programma televisivo “My cake design- La battaglia dello zucchero” su Real Time TV, al fianco di Renato Ardovino ed Eleonora Giuffrida. Nel 2014 entra a far parte della squadra di insegnanti del Gambero Rosso per il corso professionale in pasticceria, come docente di “Pasticceria Internazionale” e “Cake design”. Nel 2014 partecipa alla chermesse Food Wine Design week e tiene due show cooking aperti al pubblico, unica donna a fianco di 6 cuochi Stelle Michelin.

Chiara Patracchini

Arriva a La Credenza all’età di 17 anni e grazie agli insegnamenti di Giovanni Grasso e sotto la guida attenta di Igor Macchia trova la sua strada in cucina: oggi Chiara Patracchini (1982) si divide tra la Pasticceria e il ruolo di Sous Chef del Ristorante di San Maurizio Canavese.
Nella sua carriera ha maturato molte esperienze all’estero e avuto molte occasioni di lavorare a fianco di grandi nomi della Pasticceria internazionale. Nasce come chef di cucina ma la sua precisione e la sua passione la fanno presto avvicinare al mondo della Pasticceria che la celebra oggi Pastry Chef senza che questo significhi rinnegare le sue origini e il suo amore per la grande cucina. 2012 Miglior chef pasticciere Identità Golose. Stella Michelin.

Davide Malizia

Davide Malizia è il maestro dello zucchero artistico in Italia, Campione del mondo Rimini 2013. Dopo aver frequentato scuole di pasticceria professionali in tutto il mondo, dove si è specializzato con i grandi maestri internazionali nella lavorazione dello zucchero artistico ad altissimo livello, nel 2006 vince i Campionati Mondiali di Lussemburgo con quattro medaglie d’oro, nel 2008 vince i Campionati Mondiali di Stoccarda con sei medaglie d’oro e il titolo assoluto di categoria. Nello stesso anno vince la medaglia d’oro alle Olimpiadi di Elfurt per lo zucchero artistico. Nel 2010 è componente della nazionale pasticceri italiana per la Coppa del Mondo di pasticceria a squadre in America a PHONIX ottenendo il titolo di Vice campione del Mondo 2010 e premio speciale di squadra per la miglior torta al mondo 2010. Nel 2013 a Rimini vince il campionato Mondiale di Zucchero artistico e la Coppa del mondo di pasticceria Juniores in veste di allenatore del Team Italia.
Coppa del mondo Juniores 2013, Coppa del mondo di pasticceria seniores 2016, Coppa del mondo di pasticceria femminile 2016

Lorenzo Zuccarello

Nato a Torino il 4 novembre 1978, frequenta l’istituto alberghiero Giuseppina Colombatto di Torino, al 3° anno riceve una borsa di studio ed infine si diploma con ottimi voti.
Dopo varie esperienze lavorative sia in Italia che all’estero e dopo aver frequentato numerosi corsi di specializzazione nelle migliori scuole d’Italia, a 23 anni, nel 2001, insieme alla sorella apre la sua attività. Inizialmente il negozio col relativo laboratorio si concentra sulla produzione di cioccolato e pasticceria fresca. Oltre alla sua attività, in questo periodo, Lorenzo partecipa a numerosi concorsi a livello nazionale. Nel 2008 vince il premio “La Miglior Pralina d’Italia” nel trofeo ICAM al Sigep di Rimini; nel 2009 vince, insieme alla squadra della Valle d’Aosta capitanata da Mauro Morandin L’Award del Pasticcere organizzato dal Pasticcere Italiano e viene premiato come “Miglior Torta da Forno”; nel 2010 arriva quarto al Campionato Italiano di Cioccolateria al Sigep di Rimini; nel 2011 riceve il premio di “Maestro del Gusto “da parte di Slow Food. Inoltre nel 2004 realizza, insieme al maestro cioccolatiere Guido Gobino, la torta per il matrimonio di John Elkan e Lavinia Borromeo. Nell’ estate del 2011 l’attività ormai già avviata da 10 anni, si sposta di sede in un ampio e moderno locale con un laboratorio a vista di 300 mq e viene inserita la produzione di gelati e semifreddi.
Nel 2012 entra a far parte dei dimostratori GIUSO e del corpo docenti IFSE(Italian Food Style Education) , arricchendo il suo bagaglio professionale con numerose dimostrazioni sia in Italia che all’estero.

Davide Comaschi

Il suo più grande talento è quello di saper mescolare la giusta dose di innovazione e tradizione per dare vita a creazioni dal gusto e dalla forma unica e impeccabile. In laboratorio da quando aveva soli 13 anni la sua carriera costellata di successi si è svolta all’interno della Pasticceria Martesana di Milano. Nel 2008 Campione Italiano di cioccolateria, nel 2009 quattro medaglie d’oro al Chocolate Masters Italia, nel 2010 medaglia d’oro categoria cioccolato alla Coppa del mondo di pasticceria, nel 2011 medaglia d’argento alla Coupe du Monde de Patisserie di Lione, nel 2013 medaglia d’oro al Campionato Italiano di Cioccolateria al Sigep di Rimini, medaglia d’oro al World Chocolate Masters di Parigi, oltre a numerose altre medaglie e onorificenze nazionali e internazionali.

Marco Lusso

Ho frequentato l'istituto "J.Beccari" - scuola di Arte Bianca - di Torino, conseguendo il Diploma nel 1998. Già nelle estati , nel periodo scolastico , sono tuttofare presso la Pasticceria Leggio di Torino. Terminati gli studi, Inizio da subito a lavorare presso la storica Pasticceria Rivetti di Moncalieri , dove presto tutto il periodo di apprendistato . La voglia di emergere e di accrescere il mio sapere mi porta a lavorare nella Rinomata Pasticceria Falchero di Torino , dove apprendo le tecniche e i segreti della famosa pasticceria mignon torinese. Decido di trasferirmi per lavoro stagionale a Courmayeur (Ao) , dove dopo pochi mesi divento responsabile di laboratorio della Pasticceria Dolce Voglia . Rimango là 4 anni ,dove apprendo le tecniche dei grandi numeri , dei lievitati da prima colazione , e della gestione dei collaboratori, aspetto non poco importante. Rientro in Piemonte , e dopo qualche collaborazione in alcune realtà di pasticceria e panificazione , dopo alcune consulenze per una conosciuta azienda del settore , decido di mettermi in proprio . Attualmente sono titolare della Pasticceria Luciano di Barge (Cn) , il cui stile è un mix fra pasticceria francese e tipica piemontese . Tra i prodotti per cui vengo più riconosciuto ci sono la viennoiserie , i Macaron , gli eclair, le monoporzioni , la pasticceria da tè e la pasticceria tipica mignon piemontese. Nel 2016 ho partecipato al concorso "Chococake Award" organizzato dalla azienda "Belcolade - Puratos" classificandomi tra i 20 semifinalisti italiani . Nel 2017 al concorso nazionale indetto da "Goloasi.it " sono stato giudicato tra i 30 migliori panettoni artigianali d'Italia

Fabio Lanfranco

"Nasce la sua passione all'età di 10 anni, incuriosito da come si riempivano i Bignè. La passione si concretizza nel 2001 diplomandosi in tecnico industriale dolciario dell'Arte Bianca. Comincia cosi' la sua esperienza lavorativa, inizialmente in una pasticceria di Vigone, successivamente presso la Pasticceria Cioccolateria del Capitano Rosso dove farà parte dello staff per sei anni.
Altre esperienze lo affascinano e decide di vedere altre realtà. Comincia con una pasticceria di Porto Cervo, poi Courmayeur ed infine si stabilisce alle Canarie dove viene assunto come chef dei ristoranti tematici in una nota catena alberghiera per un anno. Nel rientro in Italia torna alla realtà artigiana come responsabile di laboratorio in una pasticceria caffetteria a None fino al 2013. Durante questi anni partecipa a tre concorsi nazionali di cioccolateria artistica classificandosi quarto in uno di essi. Dal 2014 è occupato in una Pasticceria di Moncalieri dove continua tutt'oggi a svolgere il proprio ruolo di pasticcere alternando passione, conoscenza e competenza diventando, dal 2017, docente presso la scuola let's cook by IFSE."

Dario Hartvig

Pastry chef Torinese di grande esperienza capace di proporre creazioni singolari grazie alla costante ricerca e conoscenza delle materie prime ,mattina a scuola di pasticceria e pomerigigo in bottega ,inizia cosi da giovanissimo il suo cammino nel regno del dolce. Anni passati nelle migliori pasticceri sia in Italia che all’estero lo forgiano per il grande passo e nel 1997 apre la sua pasticceria in provincia di Torino,ma la sua evoluzione continua con corsi di aggiornamento nella pasticceria dolce e salata e anche nel campo del Ho.Re.Ca marketing. Sin dai primi anni si annoverano tra i suoi clienti personaggi famosi del jet set Italiano e anche qualche nome “reale” ! Poi eventi esclusivi per le Olimpiadi di Torino 2006 e in ultimo, invito ufficiale della delegazione Russa per preparare un dolce esclusivo per le Olimpiadi Invernali di Sochi 2014. Ultimo in ordine cronologico è la notizia che ha fatto il giro del mondo , la realizzazione per un facoltoso imprenditore Russo di un panettone ai marron glaces ricoperto di foglie d’oro e alla base una fascia in diamanti del valore di oltre 320.000 euro ben di più di quanto si era ipotizzato ! Il panettone made in Italy più caro di sempre è quest’ultima opera vale a Dario interviste e uscite su riviste e quotidiani che consacrano la sua professionalità e bravura in pasticceria.

Francesco Favorito

Dopo aver lavorato fin dall’età di 15 anni nella pasticceria di famiglia, molto nota, nel 1983 partecipa ad un concorso presso la fiera Sigep di Rimini classificandosi secondo nella categoria juniores. Nel 1987 comincia la sua esperienza e la sua passione per il mondo dei lievitati, viaggiando in Italia e all’estero, come consulente e dimostratore. Nel 1998 diventa consulente di una rinomata multinazionale del settore pasticceria e panificazione e contemporaneamente decide di coronare il sogno di una vita: mettersi in proprio e aprire una pasticceria. Nel 2003 entra come Docente Pasticcere nell’Istituto Alberghiero “A. Casagrande” di Terni. Nello stesso anno insieme ad un gruppo di amici artigiani dolciari diventa direttore artistico della famosa manifestazione Cioccolentino che si svolge in occasione della ricorrenza di San Valentino. Partecipa a note trasmissioni televisive. Dal 1999 si occupa di intolleranze alimentari specializzandosi poi nel GLUTEN FREE. Dal 2007 ad oggi insegna nelle più prestigiose scuole di pasticceria italiane ed internazionali. Scrittore di 4 libri di successo, che si occupano di lievito madre e di intolleranze alimentari.

Riccardo Liccione

Riccardo Liccione, specialista in arte bianca inizia la sua carriera nel 1998 come cuoco e chef in hotel e ristoranti in Italia e negli Stati Uniti finchè nel 2007 rileva il panificio che gestisce attualmente a Frossasco (TO).
Nel 2009 partecipazione all’Iba Cup di Dusseldorf nella categoria Pane e nel 2010 ed entra a far parte del Richemont Club Italia.
Molti i premi e riconoscimenti, nel 2011 con la squadra italiana vince “Le pellon d’argento“ Secondo posto al Campionato Europeo di Nantes Categoria Viennoiseries. nel 2012 e nel 2017 ottiene il riconoscimento “Panettone D’autore” presso Richemont Club Italia, nel 2016 Vincitore del Concorso Bread in the City a Sigep e nel 2017 Vincitore del concorso Bread in the City Night & Day a Sigep.
Segue negli anni diversi corsi professionali di panificazione e pasticceria e attualmente tiene corsi professionali di Arte Bianca, in particolare Pane e Viennoiseries.

Giovanni Abbo

Presidente Nazionale della Corporazione dei Mastri oleari, prestigiosa associazione interprofessionale tra produttori ed esperti della filiera oleicola e produttore di olio extravergine di oliva da cinque generazioni.
Giovanni Abbo è Assaggiatore Nazionale di Olio e Assaggiatore Nazionale di Olive ed è chiamato in Italia e all’estero per insegnare le tecniche dell’assaggio a cuochi, agli addetti alla produzione e alla vendita e anche agli appassionati, che stanno crescendo in numero ogni anno.

Gregory Nalon

Considerato dagli addetti ai lavori tra i più importanti chef di cucina, conoscitori e comunicatori delle tecnologie applicate alla ristorazione, influencer per natura, si occupa di ricerca e sviluppo di nuove tecnologie, sperimentazione, consulenze di cucina per la formazione tecnica delle ricette e la formazione del personale. Collabora con aziende leader nel settore come consulente, promotore, divulgatore, show cooking, parlando di cucina a 360°. Sviluppatore di ricette e video ricette, partner di industrie alimentari Italiane ed estere. Protagonista 2018/2019 alla trasmissione televisiva “La prova del cuoco”, su RAI UNO, Co-conduttore della felicissima, e fortunatissima trasmissione televisiva PIATTI E MISFATTI, su Alice Tv, che per ascolti e consensi è sempre stata seguita da migliaia di persone.

Si può dire che il suo lavoro è considerato “l’ ATELIER DELLA CUCINA, ovvero laboratorio culinario di un artigiano che crea su misura la tua formazione, la tua crescita, il tuo bussiness, questo in generale il concetto, racchiuso in pochissime righe. Gregori ha avuto la forza, la volontà, la tenacia di apprendere i segreti della cucina, le basi, le tecniche ecc., “Ho avuto la caparbietà di non mollare mai, di andare avanti sempre a testa alta, con molta dedizione! Da qualche anno, ho deciso di mettere a vostra disposizione, le mie esperienze maturate, ricercate e sviluppate”.
Sul suo sito ufficiale, www.gregorichef.it , vengono descritte le nuove figure e ruoli professionali che Gregori ha creato in Italia.

il “Lean Food Manager”. Gregori ha creato per la prima volta in Italia la figura del Lean Food Manager. Sul suo sito questa figura è così descritta: "È compito del Lean Food Manager® "SNELLIRE I PROCESSI LAVORATIVI IN CUCINA"..…(continua su www.gregorichef.it )
Food coach dal 2005 l nuova figura nata in Italia nel 2005, da Gregori Nalon, che dopo molti anni di studio, corsi di formazione, aggiornamenti, esperienze con il pubblico, con professionisti, con i migliori coach di crescita personale, studi di PNL, Public Speak, Emotional Fitness, Personal Trainer, Ipnosi Conversazionale, Tecniche Di Apprendimento Veloce, Tecniche Di Autocontrollo Emozionale e molto altro, ha come scopo la formazione e la crescita personale di cuochi, chef di cucina, aiuto cuochi, camerieri, direttori, commerciali d’hotel, food & beverage, e tutti coloro che operano dentro la sfera culinaria e ristorativa…(continua su www.gregorichef.it )
Emotional FoodIl Food. Prima figura in Italia, per la formazione emozionale, nella creazione culinaria. Nuove motivazioni a chef, cuochi, imprenditori nel settore, sotto l’aspetto emozionale nel creare una ricetta, un piatto o qualsiasi preparazione culinaria. Nulla di simile nel mercato…(continua su www.gregorichef.it )
La cucina dei 5 elementi® Dopo 5 anni di studi intensi dal 2003 al 2008, Gragori segue una nuova cultura e teoria che si basa sulla dottrina cinese che non significa mescolare cibi strani, ma seguire una logica del cibo basata su ciò che fa bene e ciò che fa male, nel rispetto della tradizione, della cultura, del prodotto e della stagionalità. …(continua su www.gregorichef.it ).
Questa una sintesi delle sue esperienze, senza dimenticare gli innumerevoli riconoscimenti a livello internazionale, e mondiale quando era componente della Nazionale Italiana Cuochi, dove con l quale in giro per il mondo ha lasciato segni indimenticabili. Sul suo sito tutto quanto vorrete sapere e da noi all’ IFSE lo troverete in un formula di innovzione e unico nei suoi percorsi di formazione, in escusiva

Maurizio Frau

La mia storia con la pasticceria comincia quando a soli 14 anni il mio destino incrocia quello di un famoso pasticcere locale, la casualità volle che fosse anche un amico di famiglia.
Una sera fui invitato a casa di alcuni amici dove,con il tè,fu servita una torta sublime.
Ricordo ancora i colori , gusti e profumi. Era il 1999/2000. Mi trovavo al cospetto di una torta moderna!
Per il tempo e luogo era una grossa novità. Per me assoluta; era una mousse al cioccolato
Con bavarese al pistacchio, un gusto che ancora ricordo nei particolari
Parve la scena di un film ed ,in quel momento, capii qual’era la mia strada.
la mia carriera cominciò presso alcune delle più note pasticcerie di Cagliari dove per molti anni acquisii una formazione a 360°.
In questo contesto imparai tutte le basi del lavoro e non solo. Iniziò la conoscenza del cioccolato, materia di cui mi innamorai subito.

In quel periodo di intenso lavoro , le esperienze formative susseguivano continuamente.
Dalla prima festa del cioccolato, realizzata nella regione Sardegna, con la presenza complessiva di 70.000 visitatori seguita in diretta da varie emittenti televisive, alla Collaborazione presso “ Villa Certosa” Porto Rotondo in occasione dell’ Incontro SILVIO BERLUSCONI- PUTIN: chiamato in veste di Pasticcere decoratore;seguì la bellissima esperienza del 6 giugno 2004 in Abazia di Lussemburgo per la presentazione internazionale delle pietre sonore di PINUCCIO SCIOLA
Queste manifestazioni furono solo alcuni dei momenti più importanti di quegli anni.
Poiché, ad un certo punto, volli diversificare ed arricchire il bagaglio professionale, scelsi il forte village, una realtà molto diversa da quella del laboratorio Classico, dove conobbi la pasticceria nei resort e la dinamica alberghiera, conoscendo degli ottimi pasticceri come Gianluca Onnis e Vladimiro Bevilacqua dai quali tanto appresi .
In quell’anno colsi l’occasione di seguire un evento di Giancarlo Perbellini rivelatosi molto formativo.
Nei due anni successivi ebbi la possibilità di valutare le capacità come pasticcere presso il Caesar’s hotel di cagliari, dove ampliai le conoscenze sulla” banchettistica e sulle torte da matrimonio”.
Quell’esperienza fu arricchita contestualmente con aggiornamenti presso maestri pasticceri partecipando a diversi corsi.
Tra i più importanti ricordo quelli con il campione del mondo di gelateria Giuseppe Tonon e , una bellissima esperienza estiva poi con il Gelatiere Antonio Genovese con il quale, attualmente, prosegue la collaborazione.
Ci fu poi uno dei corsi che probabilmente segnò la mia carriera professionale presso la Boscolo Etoile con il celebre Luca Montersino, sui dessert al piatto.
Questa particolare esperienza mi colpì al punto da convicermi che avevo ancora tanto da imparare , cosi decisi di frequentare la Boscolo Etoile Accademy e feci domanda come stagista.
Quindi mi trasferii presso quella scuola sita a Sottomarina (VE)
«Tengo a sottolineare che l’esperienza presso tale accademia cambiò totalmente la mia vita ben oltre il profilo professionale poiché costituì un momento cruciale di crescita. L’aspetto decisivo di quel periodo fu il contatto con i maestri. Vedere in prima persona le loro capacità organizzative, esplicative e creative fu per me un momento impagabile.
I maestri che mi segnarono maggiormente furono Gabriele Bozio, Stefano Laghi, Carola Stacchezzini, Nicola Michieletto e Francesco Favorito, con quest’ultimo, condivisi l’esperienza del suo primo libro.


Proseguendo il percorso non potevo che approfondire la materia preferita: “ Sua maestà il cioccolato”, quindi lo step successivo fù presso la Stefano Laghi e Massimo Villa Chocolate. Una Pasqua straordinaria dove ebbi la possibilità di stare a stretto contatto non solo con due grandi maestri come Stefano e Massimo, ma ci furono colleghi veramente preparati con cui condivisi questa splendida esperienza : Sebastiano Caridi, Sonia Balacchi, Tony Cirucci e Marco Catania.
Penso che la bellezza del nostro lavoro derivi dal fatto che la passione che ci unisce crea delle piccole famiglie in ogni circostanza lavorativa.
Terminata anche questa meravigliosa esperienza tornai in Sardegna dove aderii al progetto del Maestro Pasticcere Leonildo Contis ,con il quale ,per ben due anni, collaborai alla produzione del cioccolato
Realizzavamo praline di altissima qualità e grandi eventi, tutti a base di cioccolato, il periodo migliore ovviamente era la Pasqua dove potevo dare libero sfogo alla fantasia con le uova.
Avendo a disposizione un laboratorio del cioccolato nel 2012 decisi di partecipare per la prima volta ad una competizione culinaria internazionale, quale le olimpiadi Di Erfurt.
Mi preparai presso la scuola di Davide Malizia a Roma dove per una settimana mi calai in una fantastica” full immersion “ sulle competizioni di pasticceria, l’esperienza con Davide fu sicuramente la più importante per la mia formazione sul mondo delle gare in pasticceria.
Continuai l’allenamento giornaliero in Sardegna per due mesi, fino al giorno della gara in Germania, dove vinsi la medaglia d’oro nella categoria Artistica, un risultato molto importante essendo la prima competizione a cui partecipavo.

Attualmente collaboro con alcune Aziende della Penisola e intendo un giorno avviare una mia attività ,coniugando passione e guadagno che ritengo siano elementi imprescindibili per il mercato odierno.